Australian Open: il pagellone del torneo, Djokovic Re di Melbourne

Il primo Slam della stagione è andato in archivio. Novak Djokovic ha confermato di essere il padrone di casa in Australia, alla Rod Laver Arena è lui l’uomo da battere. Djokovic fa 9 su 9 in Australia, in tutte le finali giocate ha sempre vinto (Leggi anche: Novak Djokovic ingiocabile! Medvedev annientato e 18esimo Slam (rbrsport.com)). A torneo finito, è tempo di dare i voti ai protagonisti degli Australian Open.

I vincitori

Novak Djokovic: voto 10 e lode

Non era al meglio, si è fatto male nel match contro Fritz e aveva davanti un vero e proprio talento in finale. Il serbo non si è arreso, voleva a tutti i costi questo trofeo e lo ha ottenuto. Di forza, di volontà, di fisico. Novak Djokovic è il più forte tennista del momento e il 18esimo Slam lo porta a -2 da Roger Federer e Rafael Nadal. Poco da aggiungere su questo giocatore: dominatore assoluto agli Australian Open.

Naomi Osaka: voto 10

Torneo perfetto per la tennista giapponese. Naomi Osaka ha dato la zampata vincente in semifinale, battendo nettamente Serena Willliams. La finale, poi, è stata amministrazione. Se Djokovic è il Re di Melbourne, lei è la Regina del momento sul cemento. I numeri parlano chiaro: 4 finali vinte su 4 finali giocate. Chapeau.

Gli sconfitti

Daniil Medvedev e Jennifer Brady: voto 9

Il russo ha giocato un torneo praticamente perfetto fino alla finale (esclusa la partita con Krajinovic dove ha rischiato la frittata), salvo poi abbattersi contro il muro innalzato da Djokovic. Avrà tempo per vincere il suo primo Slam, ma dovrà lavorare molto sulla continuità. Brady, invece, ha fatto tutto quello che poteva. La statunitense ha lottato anche con Osaka, ma la neo numero 3 WTA ha fatto prevalere la sua forza.

Gli altri

Aslan Karatsev: voto 10

Cosa chiedere di più ad un esordiente in un tabellone principale di uno Slam? Assolutamente niente. Karatsev elimina prima Schwartzman (voto 4), poi Auger-Aliassime e ancora Dimitrov. Giocatori importanti, che sanno cosa si prova a giocare in uno Slam. Che a 26 anni abbia fatto il definitivo salto di qualità? Vedremo se dopo questi Australian Open Karatsev si confermerà o se sono stati solo un fuoco di paglia…

Stefanos Tsitsipas: Voto 8

Il greco viene eliminato da Medvedev, ma prima vince una partita epica contro Rafael Nadal. Quella partita vale il voto in pagella, match che il buon Tsitsipas si ricorderà per sempre nella sua vita. Forse, in semifinale, ha accusato anche le fatiche sostenute contro Rafa, ma il greco può essere fiducioso per il futuro.

Rafael Nadal: voto 7

Lo spagnolo veniva da due settimane difficili, con problemi alla schiena che non gli hanno permesso di allenarsi al meglio e di giocare l’ATP Cup. Il suo percorso agli Australian Open è più che dignitoso, ma al primo ostacolo più alto si è fermato. Un giocatore come Nadal, non può perdere una partita quando è avanti due set a zero. Il maiorchino deve sperare di vincere il Roland Garros, altrimenti l’aggancio/sorpasso di Djokovic nella classifica Slam sarà inevitabile.

Dominic Thiem e Diego Schwartzman: voto 5 e 4

È vero che Thiem ha vinto un match incredibile contro Kyrgios, ma uno come lui non può avere delle ripercussioni così grandi dopo una partita del genere. Thiem non è praticamente sceso in campo contro Dimitrov, mancando ad un appuntamento troppo importante per lui. A differenza di Thiem, Schwartzman non compie nessuna impresa. Anzi, per quarto Karatsev abbia giocando alla grande, El Peque non riesce a trovare contromisure con il russo ed esce molto precocemente al primo Slam stagionale.

Gli italiani

Matteo Berrettini e Fabio Fognini: voto 7

I due azzurri di punta giocano un grande torneo. Fognini perde con onore contro un Rafael Nadal in stato di grazia, mentre Berrettini è costretto al ritiro nel pre-match contro Tsitsipas dopo aver battuto con grande determinazione Karen Khachanov. Nella speranza che Fognini continui a stare bene e a giocare così e che Berrettini recuperi al meglio dall’infortunio, l’Italia è in buone mani.

Jannik Sinner: voto 6

Sufficienza per Jannik, nonostante la sconfitta al primo turno contro Shapovalov. Il tennista altoatesino gioca un gran match, vincendo il primo set e recuperando un set di svantaggio. Le stanchezze dovute alla vittoria nel torneo Melbourne 1 si sono fatte sentire, ma nonostante ciò Sinner ha lottato come un leone sfiorando l’impresa.

Sara Errani: voto 7

Brava Sara! Grande torneo dopo tanto, troppo tempo. Vince all’esordio con la Wang, supera una acciaccata Venus Williams e infine si arrende alla Hsieh. Forse la poteva anche vincere, ma non importa. L’azzurra deve continuare così e provare a tornare ai livelli che le competono.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: