MotoGP, rinviate le gare del Qatar e della Thailandia, inizio stagione ad aprile?

L’emergenza Coronavirus che sta spaventando il mondo non risparmia nemmeno lo sport. Dopo i disastri causati nel calendario di calcio di serie A recentemente e l’annullamento del GP di Cina della Formula 1, arrivano altre due ufficialità: l’annullamento dei gran premi di MotoGp in Qatar e il rinvio del Gp di Thailandia.

Dopo la Cina in F1, ecco la MotoGp

Partiamo dal primo gran premio. Il GP inaugurale della stagione 2020 di MotoGp era in programma nel weekend prossimo, ovvero dal 6 all’8 marzo. Nel paddock si era sparsa la voce negli ultimi giorni di un possibile annullamento dell’evento a causa delle misure restrittive che il governo locale avrebbe voluto adottare. E così è stato. Il governo del Qatar ha proibito l’accesso al paese agli italiani a meno che non adottassero un periodo di quarantena di 14 giorni. Troppi per un gran premio in programma da poco più di una settimana.

Il paradosso di questa vicenda è che non sono coinvolte Moto2 e Moto3. Le due classi “minori” del campionato di motociclismo si trovano infatti già in Qatar dove hanno da poco terminato la sessione di test invernali. Dunque, le loro rispettive gare, si disputeranno come da programma.

Altro giro altro annullamento

Un altro Gp è poi stato ufficialmente rinviato. Il secondo del calendario, ovvero quello che si sarebbe dovuto disputare in Thailandia nel weekend del 22 marzo, è stato rinviato a data da destinarsi. La causa? Sempre l’epidemia di Coronavirus. Ad annunciarlo, attraverso una nota congiunta, FIM (Federazione Internazionale di Motociclismo), IRTA (Associazione Internazionale delle scuderie) e DORNA (società organizzatrice del Motomondiale), che puntano a riprogrammare la gara entro la fine della stagione (ultimo GP a Valencia il 15 novembre). L’inizio della stagione della MotoGp dovrebbe quindi essere il 5 aprile negli USA con il gran premio di Austin ma alcune compagnie aeree hanno già bloccato i voli da e per l’Italia fino al 24 aprile. Si attendono dunque aggiornamenti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: