Europa League: grande United a Old Trafford, mentre il Siviglia si salva grazie al Var

Dopo le prime partite giocate alle 18.55, ecco la seconda trance di Europa League con le partite delle 21.

Arsenal – Olympiacos Pireo 1-2

Dopo un 0-1 dell’andata per i giocatori inglesi, l’Olympiacos Pireo trova finalmente la vittoria in casa dell’Arsenal che gli ha fatto guadagnare il passaggio agli ottavi di Europa League. Dopo un primo tempo fermo a 0-0 e segnato da qualche tentativo da parte di entrambi, il gol del vantaggio della squadra greca arriva solo all’inizio del secondo tempo grazie a Pape Abou Cissé che, con un colpo di testa da centro area, indirizza la palla proprio nell’angolino in basso a destra.

Solo sul finire dei supplementari l’Arsenal trova finalmente il gol grazie ad Aubameyang. Sembrava finalmente fatta per gli inglesi, almeno fino a quando, al 119′, El-Arabi conferma la vittoria dell’Olympiacos.

Benfica – FC Shaktar Donetsk 3-3

Reduci dalla perdita fuoricasa per 1-2, il Benfica ha provato a difendere la sua porta dallo Shaktar, chiudendo il primo tempo con un ulteriore 2-1. La rimonta però non ha tardato ad arrivare chiudendo al 70′ con un 3-3 pari. Ma andiamo in ordine. Dopo dieci minuti dal fischio d’inizio arriva subito il gol di Pizzi del Benfica, oscurato dall’autogol di Dias solo pochi minuti più tardi. Lo stesso Dias che al 36′ si fa perdonare segnando il gol del vantaggio su assist di Pizzi.

La terza rete per i padroni di casa arriva sull’inizio del secondo tempo grazie al gol di Raga Silva che per un attimo regala speranza ai tifosi della squadra portoghese. Passano due minuti. E’ il 49′ quando Stepanenko, dello Shaktar, segna l’inizio della rimonta. Sono a 3-2.

Al 71′ arriva il gol del pareggio con la rete di Alan Patrick che segna il sorpasso dello Shaktar valido per gli ottavi di Europa League.

Manchester United – Club Brugge 5-0

Dopo il pareggio in casa del Brugge per 1-1, il Manchester non tarda a trovare la vittoria tra gli spalti del suo stadio. E’ dominio totale degli inglesi a Manchester. Cinque gol, di cui tre nei primi 45 minuti di gioco. Con superiorità numerica, vista l’espulsione di Deli del Brugge al 22′, arriva il primo gol su rigore per fallo di mano firmato da Bruno Fernandes. 

Al 33′, Odion Ighalo indirizza la palla oltre Mignolet con un tiro di destro da posizone molto ravvicinata portando il sorpasso del Manchester. A sottolineare ancora di più il distacco ci pensa Scott McTominay su assist di Fred, l’ultimo gol del primo tempo.

Mancano dieci minuti dalla fine quando Fred segna la doppietta definitiva per il Manchester, chiudendo ogni speranza per il Brugge di raggiungere gli ottavi.

 Ajax – Getafe 2-1

Nonostante la perdita in casa Ajax, è il Getafe a superare il girone di ritorno di Europa League. Dopo il 2-1 dell’andata, la squadra di Madrid inizia la partita al meglio con il gol di Mata dopo 5 minuti. Ma non basta. Dopo altrettanti cinque minuti arriva il pareggio con il gol di Danilo, l’attaccante anno 1999, con un tiro di destro da posizione molto ravvicinata indirizza la palla esattamente nell’angolino in basso a destra. Con il 63esimo minuto arriva il 2-1 della squadra di Amsterdam con il gol firmato da Carel Eiting.

Inter – Ludogorets Razgrad 2-1

In una Sansiro chiusa a causa dell’emergenza Coronavirus, i neroazzurri di Conte battono i bulgari 2-1 guadagnandosi così l’accesso agli ottavi. Dopo il 2-0 dell’andata i bulgari cercano la rimonta, tanto che il primo gol è proprio firmato da Cauly del Ludogorets e arriva dopo venti minuti dal fischio d’inizio.

Sul cross da destra di Cicinho, Cauly anticipa Godin per poi scaricare la palla appena sotto la traversa. Il pareggio non tarda ad arrivare. Al 31′ Biraghi beffa il portiere bulgaro e con il sinistro su apertura di Eriksen trova il gol dell’1-1. I neroazzurri chiudono il primo tempo in bellezza con la rete di Lukako che all’ultimo minuto segna il vantaggio della squadra di Conte.

Celtic Glasgow – Copenaghen 1-3

E’ la squadra di Copenaghen a passare la fase dei sedicesimi. Il pareggio di 1-1 dell’andata è stato completamente capovolto in casa del Celtic Glasgow con 3-1 per gli ospiti. La partita si sblocca solo nel secondo tempo con Michael Santos che segna dopo cinque minuti dal suo ingresso.

Al 79′, il Var concede il rigore ai campioni di casa per un fallo di mano che porta anche all’ammonizione di Ragnar Sigurdsson. A segnare il gol è Odsonne Edouard. Tre minuti dopo ecco il sorpasso del Copenaghen che, grazie a Pep Biel, arriva al 1-2. Ancora poco più di dieci minuti sull’orologio, quando Dame N’Doye chiude ufficialmente la partita segnando la vittoria della squadra danese sul Celtic Glasgow.

Siviglia – Cluj 0-0

Dopo il pareggio dell’andata, si chiude con 0-0 anche il ritorno tra Siviglia e Cluj. Sono gli spagnoli che per poco passano il turno grazie anche all’espulsione di Bordaianu del CFR Cluj. Di fatto la squadra di casa non ha creato alcuna occasione, accontentandosi di mantenere i ritmi e alzando il baricentro durante il secondo tempo.

Solo all’87’ il Siviglia ha visto gli ottavi sfuggirgli di mano. Constantin Paun, con papera del portiere spagnolo, trova la porta portando i rumeni in vantaggio. Per fortuna per il Siviglia però è scattato il Var che ha annullato il gol per tocco di mano da parte del compagno Traoré.

Giulia Taviani

22 anni, nasco a Verona, mi sposto a Milano ma sogno Bali. A quattro anni ho iniziato a scrivere poesie discutibili, a 20 qualcosa di più serio. Collaboro con Master X e con Periodico Daily. Ho scritto di cinema, viaggi, sport e attualità, anche se sono fortemente attratta da ciò che è nascosto agli occhi di tutti.

3 pensieri riguardo “Europa League: grande United a Old Trafford, mentre il Siviglia si salva grazie al Var

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: