Europa League, L’Inter non sbaglia e va agli ottavi. Passa 2-1 contro il Ludogorets

Inter – Ludogorets: 2-1 (25º Cauly, 32º Biraghi, 45º+3 Lukaku)

INTER (3-5-2): 27 Padelli; 33 D’Ambrosio (dal 76° Bastoni), 13 Ranocchia, 2 Godin; 11 Moses, 23 Barella (dal 45° st. Brozovic), 20 Borja Valero, 24 Eriksen, 34 Biraghi; 9 Lukaku (dal 61° Esposito), 7 Sanchez.
A disposizione: 35 Stankovic, 8 Vecino, 30 Esposito, 37 Skriniar, 77 Brozovic, 87 Candreva, 95 Bastoni.
Allenatore: Antonio Conte.

LUDOGORETS (4-2-3-1): 23 Iliev; 4 Cicinho, 21 Grigore, 5 Terziev, 3 Nedyalkov; 18 Dyakov, 25 Badji; 95 Cauly, 84 Marcelinho (dall’83° Biton), 88 Wanderson (dal 70° Tchibota); 28 Keseru (dal 63° Swierczok).
A disposizione: 27 Stoyanov, 6 Tawatha, 8 Biton, 10 Swierczok, 13 Tchibota, 22 Ikoko, 30 Moti.
Allenatore: Pavel Vrba.

Recupero: 4′ – 3′.

Ammonizioni: Wanderson (LUD).

Arbitro: Siebe (GER).

L’Inter è la seconda squadra italiana qualificata agli ottavi di Europa League dopo la Roma di Fonseca. Nessun problema per i nerazzurri che, in un Giuseppe Meazza a porte chiuse a causa dell’emergenza coronavirus, ha battuto per 2-1 i bulgari del Ludogorets dopo lo 0-2 dell’andata.
Succede tutto nel primo tempo: dopo lo spavento iniziale causato dal vantaggio bulgaro con Cauly al 25º, la formazione meneghina riprende in mano le redini del gioco e prima pareggia con un tiro-cross di Biraghi deviato da Terziev (32º) e poi passa in vantaggio con una rete rocambolesca di Romelu Lukaku (45º+3) che da terra colpisce di testa una corta respinta dell’estremo difensore bulgaro. Secondo tempo senza troppe emozioni che, a parte una traversa colpita da Alexis Sanchez (52º) e un palo di Lukaku dopo la deviazione di Iliev (59º), si è tenuto su ritmi piuttosto bassi. Un turnover, quindi, quello di Antonio Conte che ha dato i suoi frutti e ha concesso minutaggio a chi ha avuto meno spazio in campionato. Buona la prestazione di Alexis Sanchez che si è mostrato propositivo e ha dimostrato di essere una più che valida alternativa al Toro Martinez nell’attacco nerazzurro. Ancora opaco Christian Eriksen che, nonostante metta in mostra un repertorio tecnico di grande livello, non sembra ancora in condizione. Chissà se domenica sera contro la Juventus Conte lo riproporrà tra gli 11 titolari o se gli preferirà Matias Vecino.

Sportelli Matteo

Studente del Master in Giornalismo dell’Universitá Iulm di Milano.

Un pensiero riguardo “Europa League, L’Inter non sbaglia e va agli ottavi. Passa 2-1 contro il Ludogorets

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: