Europa League: Bene il Leverkusen. Impresa del Basaksehir che ribalta lo Sporting Lisbona

Le partite delle 19 in Europa League.

Porto – Bayern Leverkusen 1 – 3

Dopo il 2 a 1 in casa all’andata, il Leverkusen passa anche in Portogallo. Al decimo gli ospiti subito in vantaggio grazie al gol di Alario che piazza all’angolino destro. La rete viene inizialmente annullata, ma il Var, dove c’è l’italiano Marco di Bello, convalida il gol.  5 minuti dall’inizio del secondo tempo e Leverkusen ancora in gol: Havertz serve in area Demirbay che batte Marchesin. 8 minuti più tardi è notte fonda per il Porto. Havertz in contropiede scambia con Diaby e insacca a porta vuota. Inutile il gol di Marega al 65esimo per il Porto. I padroni di casa chiudono in dieci uomini per l’espulsione di Soares all’85esimo.

Basilea – APOEL 1 – 0

Il Basilea batte l’APOEL anche a ritorno e passa il turno. Dopo lo 0 a 3 di Cipro, gli svizzeri vanno in vantaggio anche in casa con Fabian Frei che trasforma un rigore procurato da Stocker, messo giù in area da Ioannou. Per lo svizzero gol numero 12 in stagione tra tutte le competizioni.

I padroni di casa controllano la partita, anche se l’APOEL potrebbe pareggiare al 74esimo. Stavolta Ioannou il fallo in area lo subisce: dal dischetto va De Vincenti, ma il numero dieci dei ciprioti calcia a lato.

Finisce 1 a 0 per il Basilea.

Basaksehir – Sporting Lisbona 4 – 1 D.T.S.

Lo Sporting Lisbona a Istanbul era chiamato a difendere il 3 a 1 dell’andata sul Basaksehir. I turchi sono primi in campionato a +1 sul Trabzonspor, in una Super Lig apertissima.

Padroni di casa in vantaggio al 38esimo sugli sviluppi di un corner. Dopo una smanacciata di Maximiliano, la palla rimane lì e Skrtel mette dentro di testa quello che è il suo primo gol europeo in 93 partite UEFA. Al 44esimo il Basaksehir trova il raddoppio con Aleksic. Punizione defilata dalla sinistra e palla all’angolino opposto per il serbo, con i Turchi che mettono la freccia passando avanti nel discorso qualificazione.

Al 66esimo, Luciano Vietto stacca su cross di Acuna e trova il suo secondo gol in Europa League. Al 91esimo però arriva il 3 a 1 di Edin Visca che porta la partita ai supplementari. Il bosniaco, dopo il gol dell’andata a Lisbona, si smarca in area e col destro incrocia sul palo lontano. Nei supplementari è ancora sua la rete che firma la rimonta turca. Al 119esimo infatti, Visca trasforma un rigore pesantissimo e Basaksehir che completa l’impresa.

Malmo – Wolfsburg 0 – 3

Dopo il 2 a 1 in rimonta di giovedi scorso, quella con il Malmo si presentava come una partita, quantomeno sulla carta, piena di insidie per il Wolfsburg.
Gli uomini di Tomasson, vecchia conoscenza del nostro campionato, ci provano nel primo tempo ma sono i tedeschi a passare in vantaggio. Brekalo scambia con Weghorst e calcia dal limite trovando l’angolino. Il gol viene inizialmente annullato per fuorigioco di Weghorst. L’arbitro Collum aspetta però il check del Var che convalida la rete.
Prima dell’intervallo il Malmo sfiora il gol del pareggio con Marcus Antonsson. Al 65esimo però il Wolfsburg raddoppia. Mehmedi lanciato in campo aperto spara addosso al portiere. La palla rimane lì con lo svizzero che la gioca per Gerhardt. Il tedesco conclude a giro di sinistro e spegne tutte le speranze di rimonta degli svedesi. 4 minuti più tardi gli ospiti chiudono la partita. Gerhardt stavolta serve l’assist per Joao Victor che appoggia in rete a porta vuota. 0 a 3 finale e Wolfsburg che vola agli ottavi.

Lask  – Alkmaar 2 – 0

Il Lask primo in classifica in Austria, dopo l’1 a 1 in Olanda con l’AZ di Alkmaar, cercava di difendere la qualificazione al Linzer Stadium. Al 43esimo il vantaggio dei padroni di casa: Idrissi atterra in area Ranftl. Dal dischetto si presenta Ragutz, in gol già all’andata, che non sbaglia. Nella ripresa la storia non cambia. Il Lask è più aggressivo e trova il raddoppio ancora con Ragutz al 50esimo. Gli austriaci rimangono in dieci uomini all’88esimo per la doppia ammonizione di Wiesinger ma conquistano l’accesso agli ottavi.

Espanyol – Wolves 3 – 2

Missione quasi impossibile per l’Espanyol, chiamato a ribaltare il 4 a 0 subito all’andata contro il Wolverhampton. I padroni di casa ci credono e al 15esimo trovano il vantaggio con Calleri su assist di Pedrosa. Per l’argentino classe ’93 è il primo gol nelle coppe europee. Si interrompe l’imbattibilità europea dei Wolves che non prendeva gol da 381 minuti. Gli inglesi però reagiscono e trovano il pareggio al 22esimo con Traorè, schierato quest’oggi al centro dell’attacco in coppia con Podence. Sono proprio le due punte a confezionare il vantaggio: su cross del numero 10 portoghese la palla rimane lì e Traore la gira all’angolino. Prieto tocca ma non basta.

Nella ripresa spinge molto da destra l’Espanyol anche se al 48esimo è ancora Podence a rendersi pericoloso. Il suo destro dal limite però finisce alto sopra la traversa. Dieci minuti più tardi la squadra di Barcellona passa di nuovo in vantaggio, ancora con Calleri. L’argentino trasforma stavolta dagli undici metri. Palla all’angolino destro e Rui Patricio spiazzato.

Al 79esimo però si spegne di nuovo l’entusiasmo degli spagnoli. Podence viene dimenticato sulla fascia sinistra. Palla dentro per Doherty che non può far altro che mettere in porta il gol del 2 a 2. Nel finale Calleri firma la tripletta e regala una vittoria inutile all’Espanyol. Bella partita dei padroni di casa ma Wolves meritatamente agli ottavi.

 

Annunci

4 pensieri riguardo “Europa League: Bene il Leverkusen. Impresa del Basaksehir che ribalta lo Sporting Lisbona

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: